3 cose di cui parlano le neo mamme su whatsapp

Gruppi di supporto che hanno come comune denominatore file di emoticon a cuoricino, équipe di consulenza pediatrica, rete in cui condividere e confrontare i progressi del proprio bebè. Le chat di whatsapp sono un must have delle neo mamme perché fanno sentire meno sole di fronte alle difficoltà. Checché se ne dica, ognuna, ne ha all’attivo almeno tre: la classica “corso pre parto”, l’indispensabile ” Loretta camera ospedale” e l’irrinunciabile “amiche mamme”.
A queste si aggiungono poi, nel tempo, mamme al parco, mamme al corso di massaggio neonatale, mamme lavoratrici, mamme che allattano, mamme con il bibe… e chi più ne ha più ne metta. Ma cosa si parla in queste chat? Ecco i miei tre trend topic!

La cacca del bebè
Le cacche sono orribili. E non sono per niente sante come professano nonne e zie. Però sono fondamentali per verificare che il neonato stia bene e stia crescendo. Capirete dunque la fonte di stress per le mamme ad ogni cambio pannolino. Per verificarne la qualità si parte dall’analizzare il colore (il giallo è il top, ma ho sentito mamme raccontare di cacche a pois nere e verdi), la consistenza e, infine, la frequenza di rilascio. Tabù solo l’uso del sondino anti-stitichezza. Nessuna lo ammette mai.

Allattamento e svezzamento
Sul tema nutrizione, la tensione è sempre alta. Inizialmente a tenere banco è l’allattamento. Se allatti sei brava. Se non lo fai, ah poverina. Se allatti e dai l’aggiunta bé, sei brava a metà. Se allatti a richiesta sei pazza, se dai degli orari sei una talebana, se lo fai fino ai due anni no darai indipendenza al tuo bambino. Se lo fai in pubblico ah ah ah sei un’esibizionista…
Uh che fatica!
Si passa poi, verso i 5 mesi, allo svezzamento. Con due filoni principali. Svezzamento classico e auto svezzamento. Ovviamente le prime ritengono pazze le seconde e le seconde bigotte le prime. Entrambe cercano di essere influencer l’una dell’altra per lo più senza successo.
Quel che è certo è che l’unica strada giusta è quella che, ogni mamma, si sente maggiormente cucita addosso. Quella che la rende libera di provare, sbagliare e cambiare idea. Perché meglio prendere una cantonata con consapevolezza che farlo per colpa di altri.

La remise en forme post parto
L’obiettivo personale della neo mamma? A parte riappropriarsi del proprio seno – spesso al vento in balia del verme solitario del bebè – è UNO SOLO: rientrare nei propri jeans skinny e quindi perdere quei 10, 12, 14 kg e più accumulati in gravidanza. Perché? Perché quei jeans, non solo jeans. Sono lo stile di vita che si aveva prima. Sono le cene fuori, gli aperitivi e i week end al mare. Sono le maratone di Homeland e la pizza sul divano. Sono i tacchi alti e i concerti rock. Pazienza se sarà più rapida la remise en forme di un 5% di tutto questo. Alle neo mamme, piace sognare. E ricordare, solo con un pizzico di nostalgia, quella che era la vita di prima. Perché, ora, sono davvero felici.

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Fede ha detto:

    Bellissimo Franci… mi piace tanto il tuo blog… utile divertente e rispecchia molto la vita di noi nei mamma… io e ludi lo leggiamo mentre tettiamo e ci fa molta compagnia!!! Continua!!! Una mamma che allatta a richiesta e convinta dell’autosvezzamento dopo aver provato lo svezzamento classico col primo figlio…

    Mi piace

    1. unamammaglutenfree ha detto:

      Grazie Fede 😊 continuate a seguirci e a raccontarci come va. Per esempio dell’auto svezzamento vogliamo sapere tutto tutto. Sai ci fa un po’ paura!

      Mi piace

  2. Fede ha detto:

    L’ansia svezzamento è normale… io ora ho l’ansia per quando inizierò con ludi… o meglio questa volta deciderà lei quando iniziare… con alby ho iniziato ai 5 mesi con lo svezzamento classico ovvero brodo con una patate una carota e una zucchina… facevo bollire il tutto filtravo il brodo frullavo la verdura e poi un cucchiaio di verdura ogni 200 ml di brodo e così ho capito che la mattina la “perdevo” per fare il tutto, perché la pediatra ci aveva detto di dare da mangiare ad alby verso le 11,45 12… la frutta a noi l’ha fatta provare dopo due settimane rigorosamente mela o pere grattugiate e poi passate… e cosí anche il primo pomeriggio lo perdevo a preparare la merenda… e poi è iniziato l’inserimento della carne ovviamente bollita e passata … diciamo che il primo mese è stato un disastro… ero distrutta passavo il tempo ai fornelli… alby rimaneva a tavola con noi quando noi mangiavano… e li ho notato che era molto incuriosito dal nostro cibo… mi ricordo ad esempio del melone, quando era in tavola lui era rapito e di riflesso masticava quando noi lo mangiavamo… e da lì contro il parere della mamma della suocera e nonna e amiche ho deciso che iniziavano l’autosvezzamento… e proprio dalla fetta di melone è iniziata la nostra esperienza… gli abbiamo dato una fetta di melone e lui se l’è gustata alla grande… e così abbiamo abbandonato i brodini per il piacere del gusto di Alberto… da li in poi stava a tavola con noi come al solito e poteva mangiare qualsiasi cosa… e la nostra vita è migliorata lui mangiava e assaggiava di tutto e noi eravamo felici… con la ludi abbiamo notato che è già interessata al cibo… le piace vederci mangiare infatti a tavola con noi segue i nostri movimenti e inizia a mostrare la lingua… infatti aspetto e vedrò cosa porterà alla bocca tra qualche tempo …aggiungo che noi non abbiamo mai avuto problemi col cibo con alberto… in vacanza nei ristoranti lui ha sempre mangiato tutto … senza problemi di intolleranza come invece sostengono alcuni pediatri per chi pratica l’autosvezzamento… ti farò sapere cosa farà la ludi…

    Liked by 1 persona

  3. unamammaglutenfree ha detto:

    Al momento con pera e mela grattugiate è andata benone. Gi è una golosona e a quanto pare una buona forchetta. Ma il dolce, si sa, è più appetibile. Vedremo con il salato. Io nel mentre mi son presa robot da cucina per papPe. Buoma giornata e grazie dei consigli 😁

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...